Cic edizioni internazionali
Il Giornale di Chirurgia

Tecnica open versus TAPP nel trattamento dell’ernia inguinale.
Nostra esperienza

Metodi, tecniche, farmaci, 497 - 504
Tag this article
Abstract
Full text HTML Full text PDF
Versione italiana
Introduzione. L’utilizzo di nuovi tipi di protesi per la riparazione open e l’introduzione di tecniche laparoscopiche hanno apportato radicali cambiamenti nel trattamento delle ernie inguinali. Resta tuttavia controversa la scelta del tipo di approccio. Scopo di questo lavoro è stato quello di confrontare i risultati del trattamento dell’ernia inguinale con posizionamento di protesi per via open e quelli ottenuti con tecnica laparoscopica transaddominale preperitoneale (TAPP).
Pazienti e metodi. Lo studio ha riguardato 584 pazienti, 532 uomini e 52 donne, di età compresa tra i 19 e gli 86 anni, dei quali 332 (56,8%) operati con tecnica open e 252 (43,2%) per via laparoscopica con tecnica TAPP. Sono stati analizzati nei due gruppi tempi operatori, complicanze, recidive e ripresa dell’attività lavorativa. Il follow-up era da 1 anno fino a 10 anni.
Risultati. La durata media dell’intervento è stata di 71 minuti per il gruppo open e di 92 minuti per il gruppo TAPP. Non si sono avute complicanze intraoperatorie. Il 4,5% dei pazienti del gruppo open ha presentato complicanze postoperatorie rispetto al 3% del gruppo TAPP. Il tasso di recidive è risultato inferiore all’1% nei due gruppi (in particolare, 0,6% per la riparazione open e 0,4% per quella laparoscopica).
Il tempo medio alla ripresa dell’attività lavorativa è risultata nettamente a favore del gruppo TAPP (9,8 giorni) rispetto a quello open (13,4 giorni).
Conclusioni. Il nostro studio dimostra fattibilità, efficacia e sicurezza della tecnica laparoscopica TAPP nel trattamento delle ernie inguinali in alternativa alla chirurgia convenzionale. L’esperienza del chirurgo e la learning curve sono fattori determinanti nella riduzione dei tempi operatori e della percentuale di complicanze e recidive.

English version
Background. In the last ten years the introduction of various open mesh and laparoscopic techniques has increased the interest in inguinal hernia surgery. Anyway controversy persists about the most effective inguinal hernia repair.
The aim of this study was to compare the results of open mesh technique and laparoscopic transabdominal preperitoneal (TAPP) repair for inguinal hernia.
Patients and methods. We considered 584 patients, 532 man and 52 woman, between 19 and 86 years: 332 (56,8%) had open mesh repair and 252 (43,2%) laparoscopic TAPP repair of groin hernia.
Operative time, complications, recurrences and time to normal activities were recorded in both groups (range follow-up 1-10 years).
Results. The median operative time was 71 min for open group and 92 min for TAPP group. No intraoperative complications were observed. Postoperative complication rate was 4,5% in patients open group and 3% in TAPP group. The recurrence rate was less than 1% in both groups (0,6% for open repair and 0,4% for laparoscopic repair).
Significant difference was observed in the median time to return to normal activities: 9,8 days in TAPP group versus 13,4 days in open approach.
Conclusions. Our experience confirme the safety and effectiveness of laparoscopic transabdominal preperitoneal (TAPP) approach to inguinal hernia repair as excellent alternative to conventional surgery.
The reduction of operative time, complications and recurrences is correlated to the surgeon’s experience and learning curve.

Vol. XL (No. 1) 2019 January - February

  1. Raffaele Bastianelli: Magister sine cathedra
    Di Matteo G.
  2. Thrombotic complications in inflammatory bowel diseases
    Fornaro R., Caristo G., Stratta E., Caratto M., Caratto E., Giovinazzo D., Di Maira L., Casaccia M., Frascio M.
  3. Early diagnosis of anastomotic leakage after colorectal surgery by the Dutch leakage score, serum procalcitonin and serum C-reactive protein: study protocol of a prospective multicentre observational study by the Italian ColoRectal Anastomotic Leakage (iC
    Benedetti M., Ciano P., Pergolini I., Ciotti S., Guercioni G., Ruffo G., Borghi F., Patriti A., Del Rio P., Scatizzi M., Mancini S., Garulli G., Carrara A., Pirozzi F., Scabini S., Liverani A., Baiocchi G., Campagnacci R., Muratore A., Longo G., Caricato M., Macarone Palmieri R., Vettoretto N., Caccaroni M., Guadagni S., Bertocchi E., Cianflocca D., Lambertini M., Pace U., Baraghini M., Pandolfini L., Angeloni R., Lucchi A., Martorelli G., Tirone G., Motter M., Sciuto A., Martino A., Luzzi A.P., Di Cesare T., Molfino S., Maurizi A., Marsanic P., Tomassini F., Santoni S., Capolupo G.T., Amodio P., Arici E., Clementi M., Ruggeri B., Catarci M.
  4. Open inguinal hernia repair with self-gripping Parietex ProGrip mesh: a retrospective study of 204 cases
    Del Papa M., D'Amata G., Manzi F., Carnì P., Florio G., Crovaro M., Musmeci L., Buonocore C.
  5. Use of the KSVM-based system for the definition, validation and identification of the incisional hernia recurrence risk factors
    Licari L., Salamone G., Campanella S., Carfì F., Fontana T., Falco N., Tutino R., De Marco P., Comelli A., Cerniglia D., Petrucci G., Vitabile S., Gulotta G.
  6. Colocutaneous fistula through ulcerative colitis and cancer to the pyoderma gangrenosum: a never-ending story for a single patient. Case report
    Eberspacher C., Mascagni D., Fralleone L., Maturo A., Di Matteo F.M., De Cristofaro F., Merletti D., Santoro A., Mascagni P., Pontone S., Pironi D.
  7. Amyand’s hernia: role of CT for a correct diagnosis
    Drago A., Carbone M., Lorusso V., Moschetta M., Scardapane A., Lucarelli N., Angelelli G., Stabile Ianora A.A.
  8. Modular megaprosthesis as definite treatment of femur osteomyelitis
    Koutserimpas C., Raptis K., Mari A., Kotsirakis A.
  9. Testicular torsion in a newborn: a case report
    Blevrakis E., Xenaki S., Chrysos E.
  10. Surveillance of pregnant women with potential exposure to Zika virus following travel
    Spiliopoulos D., Panchal M., Economides D.L.
  11. Mesenteric cyst and recurrent abdominal pain in a patient with Gorlin-Goltz syndrome: a case report
    Monaco L., Guida F., D'Onofrio G., Di Martino N.
  12. Squamous carcinoma in pilonidalis sinus: case report and review of literature
    Delvecchio A., Laforgia R., Sederino M.G., Minafra M., Carbotta G., Balducci G., Fabiano G., Fedele S., Palasciano N.
  13. congresses, academies, societies
    Di Matteo G.
Last Viewed articles: la lista degli ultimi x visitati.
  1. Tecnica open versus TAPP nel trattamento dell’ernia inguinale.
    Nostra esperienza

    Pironi D., Palazzini G., Panarese A., La Gioia G., Vendettuoli M., Romani A.M., Filippini A.
credits